Roma: Abraham e Dybala, prove tecniche di gol

(A. Ferrantino) – Per vederli insieme in campo, in una partita ufficiale, potrebbe servire ancora un po’ di tempo. Questa sera, nell’amichevole di Haifa contro il Tottenham (ore 20.15, diretta tv su Dazn), l’ipotesi è che Abraham parta tra i titolari e Dybala dalla panchina. Mourinho, ieri in visita al Muro del pianto a Gerusalemme, non ha fatto dichiarazioni. Però il lavoro per costruire la coppia d’attacco che deve fare le fortune della Roma va avanti giorno dopo giorno. Il feeling tra i due è già a buon punto. Dybala ha pubblicato sul suo profilo Instagram uno scatto con l’inglese dopo essere scesi dal pullman sociale. Ad accompagnare l’immagine, la scritta «Brother», fratello, seguita da un cuore. Se stasera andrà in campo, Dybala sarà visto per la prima volta dai tifosi giallorossi, visto che l’amichevole di Trigoria contro l’Ascoli è stata a porte chiuse.

Tammy Abraham non ha mai nascosto di gradire di più il 3-4-1-2 al 3-4-2-1: meglio un compagno di attacco in più e un trequartista in meno. Nella scorsa stagione Mourinho a provato a volte a schierarlo insieme a Shomurodov, ad esempio nella sconfitta per 3-2 a Venezia, ma con risultati alterni. La qualità di Dybala è però enormemente più alta di quella dell’uzbeko, che infatti è finito tra gli esuberi.

Nella scorsa stagione Abraham è arrivato a 27 gol in tutte le competizioni, Dybala con 10 in campionato è stato il miglior marcatore della Juventus. È stato prolifico anche per il numero di assist: 5. Abraham, che da ex giocatore del Chelsea ha affrontato spesso il Tottenham in uno dei tanti derby londinesi, ha parlato ieri al sito della Roma, presentando la partita che metterà di fronte José Mourinho e Antonio Conte, che in passato hanno avuto scontri anche molto accesi: «Giocare contro una squadra come il Tottenham è sempre bello. È una squadra contro cui ho vissuto mille battaglie. Loro hanno iniziato la stagione un po’ prima di noi, hanno più energia e sono più avanti nella condizione. Ma nel calcio non ci sono scuse: queste gare servono a mettere a punto la condizione e a farci trovare pronti per la prima di campionato. Sarà una bella partita».

Abraham è ancora alla ricerca del suo primo gol stagionale e, nell’amichevole contro il Portimonense, ha sbagliato un calcio di rigore calciandolo alto – sul punteggio di 2-0 per la Roma. Quale miglior occasione per sbloccarsi? «Stiamo bene, ci stiamo allenando. La preparazione è stata faticosa, abbiamo corso molto, ma non ci sono problemi. Ci sono stati pochi infortuni e stiamo trovando l’intesa come squadra. Stiamo imparando a conoscere i nuovi arrivi e loro a conoscere noi. Spero che in questa stagione potremo solo migliorare». Mou è d’accordo.

Il Dybala-day ha fatto il giro del mondo ma l’Ascoli rovina la festa della Joya

(A. Ferrantino) – Dopo la festa per la presentazione, che ha fatto il giro del mondo, sono arrivati i primi minuti in giallorosso per Paulo Dybala. L’amichevole contro l’Ascoli – a porte chiuse e senza diretta tv – è però finita con una sconfitta: 0-1 per la squadra di Serie B. «Alle 21:21 ho vissuto un momento UNICO. Nemmeno nei più grandi sogni avrei immaginato qualcosa di simile. Roma Roma Romaaa. Grazie mille AS Roma». Con «unico» scritto tutto maiuscolo che, nel linguaggio dei social, significa urlare. Paulo Dybala ha fatto sentire così la sua voce dopo l’incredibile accoglienza che gli hanno riservato i tifosi giallorossi. Circa diecimila, per ore sotto il caldo. Pura fede, visto che la Joya non aveva ancora giocato nemmeno un minuto.

Dal punto di vista dell’immagine, i Friedkin hanno già vinto la loro scommessa. Il Dybala-day ha fatto il giro del mondo e ha ricevuto recensioni a cinque stelle. Gli argentini di Olè giocavano in casa: «Locura Absoluta», pazzia completa. Simile il titolo dello spagnolo Mundo Deportivo, vicino al Barça: «Brutal Recibimiento», accoglienza folle. A casa Mourinho, in Portogallo, Record ha scelto la sintesi: «Impressionante». Conquistati i francese de L’Equipe: «Incredibile accoglienza». il filmato della serata è passato anche alla ESPN, il cui sito in spagnolo Fuera de Juego ha proposto il commento più spiritoso di tutti: l’accoglienza dei romanisti a Dybala è cosa da «quitarse el sombrero», togliersi il cappello.

Soddisfatti i principali artefici dell’arrivo di Dybala, cioè Dan e Ryan Friedkin, che su twitter hanno ringraziato i tifosi: «Nessuno accoglie i propri eroi come Roma. I fedeli giallorossi hanno creato uno scenario incredibile fuori della sede di Fendi per accogliere Dybala». Meno festoso è stato il debutto in maglia giallorossa di Dybala, nell’amichevole giocata ieri pomeriggio a Trigoria, a porte chiuse e senza diretta televisiva. Paulo ha giocato dall’inizio (formazione del primo tempo: Svilar; Mancini, Kumbulla, Vina; Celik, Matic, Bove, Spinazzola; Volpato, El Shaarawy; Dybala) ma non è riuscito ad andare in gol e la partita è finita con la vittoria per 1-0 dell’Ascoli (Serie B), con gol di Botteghin al 67’, su azione da calcio d’angolo. Nessun commento di José Mourinho, che come in passato ha voluto provare in tutta segretezza alcuni esperimenti.

Da qui all’inizio del campionato – prima giornata contro la Salernitana, in trasferta, domenica 14 agosto alle 20.45 – la Roma giocherà altre due amichevoli. La prima sabato prossimo, ad Haifa, contro il Tottenham Hotspur e la seconda domenica 7 agosto, all’Olimpico, ore 20.45, contro lo Shakhtar Donetsk. Alla partita saranno collegate iniziative di sostegno alla popolazione dell’Ucraina. Sono stati venduti 41.000 biglietti ed è stata aperta anche la vendita per acquistare i biglietti di curva Nord che, in un primo momento, doveva restare chiusa.

L’arrivo di Mou un anno fa, la vittoria in Conference League e l’acquisto di Dybala hanno scatenato nella tifoseria romanista un’incontrollabile «voglia di esserci». Per le prime due gare di campionato all’Olimpico, contro due avversarie non di primo piano come le neopromosse Cremonese e Monza, sono già sicure oltre 100.000 presenze tra abbonati e paganti.

Prima sconfitta estiva per la Roma: lo Sporting si impone 3-2 dopo una battaglia di nervi

Sporting-Roma (ansa foto)

(Keivan Karimi) – Una partita a dir poco scoppiettante e nervosa quella disputata oggi a Faro, allo Estadio do Algarve. Una amichevole solo per definizione, visto che Sporting CP Roma se le sono date di santa ragione.

Nel terzo test match in terra portoghese, i giallorossi hanno perso per 3-2 al termine di un incontro teso, ricco di risse accennate, spintoni e interventi duri. L’arbitro Hugo Silva non è riuscito a tenere a bada gli animi, attendendosi un incontro ben più leggero.

La Roma è meno brillante delle altre uscite, anche grazie al pressing ed alla velocità dello Sporting. I vice-campioni di Portogallo passano con un dubbio rigore trasformato da Gonçalves, ma due minuti dopo la Roma pareggia su corner per l’autorete di Inacio.

Nella ripresa lo stesso difensore dello Sporting azzecca la porta giusta e si rifà, segnando il 2-1 sempre su calcio d’angolo. Bellissima l’azione del pari giallorosso con Pellegrini, imbeccato dalla giocata solitaria di Abraham. Nel finale però il neo entrato Tabata approfitta di una dormita di Cristante e trova il diagonale del 3-2 decisivo.

Il tabellino del match:

SPORTING CP (3-4-3): Israel (46′ Adan); Coates, Inacio, Neto; Porro, Ugarte, Matheus Nunes, Matheus Reis; Pedro Gonçalves, Rochinha (46′ Trincão), Edwards (72′ Tabata). All. Amorim.

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio; (46′ Svilar) Mancini, Kumbulla (46′ Smalling), Ibañez; Çelik (46′ Karsdorp), Matic, Cristante, Spinazzola (46′ Zalewski); Zaniolo (80′ El Shaarawy), Pellegrini (72′ Carles Perez); Abraham (72′ Felix) All. Mourinho.

Marcatori: 29′ rig. Gonçalves, 31′ aut. Inacio, 53′ Inacio, 69′ Pellegrini, 86′ Tabata.

I promossi:

RUI PATRICIO: Battuto solo su calcio di rigore, si dimostra la solita sicurezza tra i pali. Nei primi minuti gran riflesso salva risultato sul sinistro in corsa di Gonçalves, che ha ricordato da vicino l’intervento in finale di Conference su Til.

PELLEGRINI – Una certezza vera e propria. Il capitano è l’unico a regalare strappi, ripartenze, giocate di qualità contro uno Sporting aggressivo e quasi mai sbilanciato. Il suo gol di destro al volo è la riprova della sua crescita, anche sotto porta.

ZALEWSKI – I duelli con Pedro Porro non sempre gli riescono vincenti, ma si esalta nell’uno contro uno ed è l’ultimo a suonare la carica con un destro insidioso respinto a malapena da Adan. Ad oggi con il competitor Spinazzola non c’è gara.

I rimandati:

MATIC – Ha l’ordine e la giustezza tra i piedi, ma un 33enne con la sua fisicità ha bisogno di tempo per raggiungere la forma ideale. In coppia con Cristante forse la mediana appare troppo statica.

ZANIOLO – Parte forte, con alcuni strappi degni della sua proverbiale irruenza. Ma col passare dei minuti tende ad innervosirsi, in particolare per le decisioni dubbie del signor Hugo Silva. Mourinho lo sostituisce per evitargli momenti di rabbia inutile.

ABRAHAM – Generoso, sempre in movimento ed autore della giocata che porta al gol del 2-2 di Pellegrini. Ma per il resto della sua partita appare troppo caotico, sciupando una ghiottissima occasione a fine primo tempo.

I bocciati:

IBANEZ – Siamo alle solite. La paura che possa compromettere le prestazioni della Roma torna senza grosse pretese alla terza amichevole estiva. Saltato costantemente, è l’autore del fallo da rigore che porta avanti lo Sporting. Inteventi fuori tempo, falli evitabili e solo qualche chiusura degna di questo nome. Il brasiliano va educato, ma di questo passo rischia di essere ancora una sciagura.

CRISTANTE – Niente da dire sul solito costante impegno, sia in fase di copertura che di costruzione. Ma stasera, contro uno Sporting cattivo e velocissimo, fa una fatica enorme. La Roma non riesce quasi mai ad uscire palla al piede anche a causa della sua serata insufficiente. Ciliegina amara sulla torta: il pallone perso a 5′ dalla fine che porta al 3-2 di Tabata.

KARSDORP – Per l’ennesima volta dimostra di difettare totalmente al momento del cross decisivo o dell’assistenza giusta. Già contro la Portimonense aveva cestinato una giocata di Pellegrini con un assist mal eseguito, oggi a Faro si ripete sprecando 2-3 situazioni ghiotte.

Una Joya per Mourinho: estro e fantasia al servizio della Roma

(Federico Sereni) – Un colpo da biliardo, uno di quelli che accende la folla. Paulo Dybala è ufficialmente un nuovo calciatore della Roma. Dopo tantissime indiscrizioni e una trattativa quasi lampo i giallorossi si aggiudicano il fantasista argentino, tra i più forti della Serie A. Il ragazzo ha firmato un contratto che lo lega ai colori giallorossi fino al 2025 a 6 milioni l’anno con i bonus. Presente anche una clausola rescissoria, intorno ai 20 milioni, che la Roma potrà annullare rimodulando l’ingaggio del calciatore.

Decisivo ancora una volta Josè Mourinho che ha provveduto con la telefonata della scorsa settimana a convincere il ragazzo del progetto in crescita della Roma. Ma anche del lavoro fatto dai Friedkin che sta portando il brand della squadra ad un livello superiore, tanto da convincere anche i prezzi più pregiati a scegliere la Capitale. Bisognerà attendere la fine del mercato per capire il valore della squadra, ma non c’è dubbio che Dybala aumenta il livello della squadra.

ESTRO E FANTASIA

Se dovessimo descrivere un dieci puro, ecco quello sarebbe Dybala. Paulo è  esploso nel grande calcio con la maglia del Palermo quando incantava già la platea con le sue giocate a soli 19 anni. In maglia rosanero la Joya agisce come seconda punta e fa notare sin da subito le qualità tecniche superiori alla media. Estro e imprevedibilità, capace di trasformare in oro qualsiasi pallone arrivi. Mancino di pura classe, delicato, abile tiratore di rigori e punizione. Quel giocatore capace di decidere una sfida con una delle sue giocate. Negli anni alla Juventus, dove riesce a conquistare 12 trofei, viene impiegato anche come ala destra o falso centravanti senza ovviamente mai perdere quella qualità che lo contraddistingue. Nonostante la sua statura non sia così possente, Dybala riesce bene nel proteggere il pallone per far salire la squadra, nel pressare il portatore di palla avversario e nell’eludere la pressione avversaria con un solo controllo.

Alla Roma un giocatore così non si vedeva dai tempi di Francesco Totti. Da un dieci ad un altro. Per ora però Paulo ha scelto la sua 21 perché quella maglia bisogna meritarsela.

Dybala porta gol, assist e passaggi chiave: Mou può usarlo in tre moduli

(A. Ferrantino) – L’arrivo di Paulo Dybala alla Roma rafforza un attacco giallorosso che, in questo momento, può contare anche su Abraham, Zaniolo e Pellegrini. Spetta ora a José Mourinho trovare il vestito tattico più adatto per sfruttare al meglio le potenzialità offensive dei suoi giocatori offensivi.

Dal punto di vista tattico, nei suoi anni alla Juve, Dybala si è trovato ad agire in contesti tattici e con funzioni diverse. In generale l’argentino gravitava sul centrodestra, agendo prevalentemente in zona di rifinitura. Negli ultimi tre anni, passando da Sarri a Pirlo fino al ritorno di Allegri, quando è stato in campo Dybala è stato il catalizzatore della manovra bianconera.

Nella Juventus di Sarri abbiamo anche visto un Dybala che si abbassava spesso per aiutare la fase offensiva di una compagine non sempre brillante in fase di palleggio. Tutto ciò ha reso quindi ineludibile il dibattito intorno a quale sia la posizione migliore per utilizzarne al meglio le caratteristiche: più avanti o più arretrato? Attaccante o trequartista?

A tal proposito giova ricordare come la stagione nella quale l’argentino ha cominciato a far vedere il proprio talento, con la maglia del Palermo, Dybala agiva da prima punta, con Franco Vazquez numero 10. Nel torneo 2014-15 Dybala produsse 13 gol e 10 assist. Nella Juve il suo raggio d’azione si è progressivamente allontanato dagli ultimi sedici metri di campo, come detto, proprio per aiutare la squadra a sopperire alle difficoltà in palleggio.

Nella stagione appena trascorsa i dati relativi agli expected assist (gli assist attesi) su azione hanno visto Dybala registrare un dato (3.71) che lo colloca fra i primi 25 giocatori dei top 5 campionati europei fra i calciatori che hanno caratteristiche simili (chance creator).

A questo si aggiunga che Dybala è stato anche il miglior attaccante della Juve sia in termini di reti fatte (10) che di passaggi chiave (quei passaggi che consentono alla squadra in attacco di superare almeno una linea difensiva avversaria) con un dato di 2.8 di media a partita. Quanto evidenziato finora ci fa capire come il Dybala juventino sia stato una sorta di tuttocampista, un attaccante adattato a giostrare da rifinitore per svolgere un lavoro di raccordo fra centrocampo e attacco.

A Roma, invece, l’argentino potrebbe riavvicinarsi alla porta avversaria. Un’idea quindi sarebbe quella di usarlo da attaccante al fianco di Abraham (con Pellegrini alle spalle dei due o da mezzala in un 3-5-2 fluido) o da terza punta in un ipotetico 3-4-3 con l’inglese e Zaniolo e con una robusta mediana a sostegno. Un’ulteriore alternativa è rappresentata da un 4-2-3-1 molto offensivo con Pellegrini, Zaniolo e Dybala a occupare gli spazi sotto Abraham.

Roma, 2-0 al Portimonense in amichevole: tabellino e voti

La Roma anti Portimonense (asroma.com)

(K.Karimi – A.Papi) – Seconda amichevole estiva in Portogallo per la Roma di José Mourinho. Il ritiro in Algarve ha previsto questa sera alle ore 20 un altro test match, stavolta contro un club di casa: il Portimonense.

I giallorossi hanno bissato il 2-0 di mercoledì scorso, vincendo con lo stesso punteggio contro i lusitani. Reti decisive del giovane Filippo Tripi nel primo tempo e di Nicolò Zaniolo nella ripresa. Ottimo secondo tempo giocato dall’uomo mercato, con tanto di fascia da capitano al braccio.

Zaniolo ha colpito anche una traversa clamorosa, mentre Abraham ha calciato alle stelle il rigore del possibile 3-0. Unica notizia negativa: infortunio al ginocchio per Darboe, possibile distorsione per il giovane gambiano.

Il tabellino del match:

ROMA (3-4-2-1): Rui Patricio (46′ Svilar, 88′ Boer), Mancini (46′ Ibanez), Smalling (46′ Kumbulla), Tripi (46′ Bove); Karsdorp (46′ Celik), Cristante (46′ Matic), Veretout (46′ Darboe, 70′ Faticanti), Spinazzola (46′ Zalewski); Pellegrini (46′ Perez, 88′ Ivkovic); El Shaarawy (46′ Zaniolo), Felix (30′ Shomurodov, 46′ Abraham). All: Mourinho.

PORTIMONENSE (3-5-2): Nakamura (46′ Samuel); Relvas (64′ Costa), Willyan (46′ Vinicius), Pedrao (77′ Luqinha); Moufi (46′ Ouattara), Anderson (46′ Rui Gomes), Bruninho (46′ Jocu), Ewerton (46′ Klinsmhen), Seck (64′ Pedro Sa); Welinton (64′ Sapara), Yago (64′ Matos). All: Brito.

Marcatori: 27′ Tripi, 71′ Zaniolo

I promossi:

TRIPI – Gol in mischia a parte, si dimostra un jolly giovane e dal carattere forte. Come terzo centrale difensivo si disimpegna senza problemi.

PELLEGRINI – Già disegna calcio il capitano, gioca di prima, strappa sulla trequarti e sfiora il gol. Dal suo corner nasce l’1-0 giallorosso.

CELIK – La gamba c’è, l’attenzione difensiva anche. Per Karsdorp sarà un competitor niente male.

ZANIOLO – Rabbioso, ma allo stesso tempo elettrizzante. Il gol è tutta potenza e capacità, peccato per la traversa colpita ad inizio ripresa, già il secondo legno di questo ritiro.

I rimandati:

SPINAZZOLA – La mentalità è giusta e la posizione tattica anche. Manca ovviamente quella brillantezza nello scatto che lo ha reso uno degli esterni più forti d’Italia.

VERETOUT – Sta ritrovando pian piano la condizione giusta, e quindi anche la motivazione che gli era mancata nella scorsa stagione. Qualche errorino di troppo, ma può essere rigenerato.

KUMBULLA – Tosto, difficile da superare. Ma non mancano alcune sbavature totali in difesa che andranno evitate sul più bello.

I bocciati:

FELIX – Mourinho lo tiene in campo da prima punta per mezz’ora, tocca pochissimi palloni e fa più confusione che altro.

PEREZ – Schierato tra le linee, quasi da fantasista puro, si fa notare solo per un retropassaggio da dimenticare. In quel ruolo sarebbe stato meglio vedere il baby Volpato.

Roma, a Pietralata il nuovo stadio: «Sarà pronto nel 2026»

(A. Ferrantino) – La notizia era nell’aria da diverso tempo, ma da ieri mattina è ufficiale: l’area scelta in accordo con il Campidoglio per il nuovo stadio della Roma è quella di Pietralata Monti Tiburtini, di fronte all’ospedale «Sandro pertini», in una zona che si estende praticamente sino alla stazione Tiburtina.

A darne la conferma, la società giallorossa e il Comune con un comunicato congiunto. «All’esito di una serie di riunioni – si legge nella nota diramata a metà mattinata tra gli uffici dell’amministrazione capitolina e i tecnici di AS Roma Spa tenutesi negli scorsi mesi, Roma Capitale prende atto positivamente della volontà da parte della società giallorossa di presentare nelle prossime settimane al Campidoglio uno studio di fattibilità per la realizzazione di uno stadio su un’area comunale nella zona di Pietralata».

Archiviato definitivamente il precedente progetto-Tor di Valle, si riparte con un nuovo percorso che, come il precedente, seguirà l’iter previsto dalla «legge stadi». «L’iniziale esame urbanistico – prosegue la nota – svolto sull’area individuata da AS Roma non ha infatti messo in evidenza elementi ostativi alla presentazione del suddetto progetto che sarà attentamente valutato da Roma Capitale secondo l’iter amministrativo disciplinato dalla cosiddetta legge stadi (art. 1, comma 304, L. 147/2013)».

Grande la soddisfazione espressa sia da parte della società giallorossa sia da parte del Campidoglio, soprattutto perché il nuovo stadio si andrà ad integrare nel tessuto urbano del quartiere, e non ci sarà bisogno di particolare interventi sulle infrastrutture e sulla mobilità.

«Roma Capitale e AS Roma condividono che il nuovo stadio dovrà rappresentare un volano per la riqualificazione sostenibile e senza aggravi urbanistici del quartiere Pietralata e, più in generale, per lo sviluppo della Capitale».

Il Ceo della società giallorossa, Pietro Berardi, ha fissato già una possibile data per l’inaugurazione: «C’è la volontà – le sue parole – di fare lo stadio entro il 2026. Dovremo lavorare molto da entrambe le parti, ma finora tutto è andato bene quindi voglio ringraziare il sindaco e la sua squadra per il supporto, ora ci rimbocchiamo le maniche e ci mettiamo subito al lavoro».

Manca ancora un progetto definitivo. «Ci sono dei passi da compiere – ha proseguito Berardi – bisogna fare rilevazioni archeologiche, ambientali e acustiche. Non c’è ancora un disegno dello stadio, è ancora presto, lo si avrà nelle prossime settimane o mesi. Finora siamo stati riservati, decideremo sempre con il Comune di comunicare insieme le tappe rilevanti. Tutto questo dimostra volontà comune». La possibile capienza ridotta preoccupa i tifosi, ma Berardi li rassicura. «Non sarà più piccolo dell’Olimpico».

Sul tema è intervenuto anche il sindaco Roberto Gualtieri, in visita ieri a Parigi. «Abbiamo lavorato con grande intensità e riservatezza, la nostra politica è stata “prima i fatti, poi gli annunci”. Adesso aspettiamo che la Roma presenti il suo progetto, che noi valuteremo. L’area è stata scelta dalla società, noi abbiamo verificato con attenzione l’esistenza di controindicazioni o problemi, e in linea di principio possiamo annunciare che è possibile procedere sulla base della legge stadi».