Roma-Sassuolo 4-2, le pagelle: Pellegrini trequartista disegna calcio. Kluivert imprendibile per tutti

Luca Fantoni – La Roma trova la prima vittoria in campionato, battendo con un netto 4-2 il Sassuolo. La squadra di Fonseca inizia alla grandissima il primo tempo trovando il vantaggio al 12′ con Cristante di testa su calcio d’angolo. Il raddoppio arriva con Dzeko al 20′ e due minuti dopo è Mkhitaryan a calare il tris con il gol all’esordio. Al 33′ Kluivert spegne definitivamente le speranze dei neroverdi, sfruttando un altro passaggio splendido, il terzo, di un Pellegrini in versione assistman. Nella ripresa una doppietta di Berardi accorcia le distanze senza però impensierire mai, realmente, la Roma.

ROMA

PAU LOPEZ: 6.5 Sulla punizione di Berardi può ben poco. Sicuro nelle uscite, sia basse che alte, non deve compiere parate particolarmente difficili.

FLORENZI: 6.5 Il Capitano della Roma spinge meno di Kolarov sull’altra fascia, anche per compensare la minore attitudine difensiva di Kluivert. Dietro non sbaglia nulla e quando si propone serve un bellissimo cross a Dzeko ma il colpo di testa del bosniaco termina sulla traversa.

MANCINI: 6.5 L’ex Atalanta dimostra di non essere abile solo nell’area avversaria ma anche in quella della propria squadra. Difensivamente praticamente perfetto, sfiora il primo gol in giallorosso ma il palo, l’ennesimo, glielo nega.

FAZIO: 6.5 Perfetto fino al secondo gol di Berardi. La marcatura su Caputo è troppo leggera e l’attaccante ex Empoli riesce a fare il velo per il 2-4 del Sassuolo. Per il resto nessun errore, anzi, da un suo anticipo parte l’azione del 2-0.

KOLAROV: 7.5 Il serbo sulla sinistra fa avanti e indietro ininterrottamente. L’ormai consolidata intesa con Dzeko si conferma ancora una volta letale e anche quella con Mkhitaryan sembra ottima.

VERETOUT: 7.5 L’esordio del francese è largamente positivo. Gioca tantissimi palloni sbagliandone veramente pochi. La sua grinta nell’arrivare primo sul pallone da il via all’azione del 4-0 di Kluivert. Se Veretout è questo, la Roma ha fatto un grande acquisto.

CRISTANTE: 7 Sblocca la partita con una delle sue doti migliori, il colpo di testa. Lascia a Veretout il compito di impostare e si dedica solamente alla fase di interdizione. Gli riesce alla perfezione, dimostrando di essere fondamentale quando c’è la necessità di difendere.

MKHITARYAN: 7 Sonnecchia per i primi 20 minuti poi con una fiammata cala il tris della Roma. Nei tre dietro Dzeko è quello che forse si mette meno in luce ma la qualità c’è e si vede. Bravo in fase difensiva e anche nel creare spazio per le avanzate di Kolarov.

PELLEGRINI: 8 Nel ruolo di trequartista è inarrestabile. Gioca una partita totale, è imprendibile per i giocatori del Sassuolo. Fornisce tre assist ai compagni e prende un palo in avvio di ripresa. Gli manca solo il gol ma se gioca sempre così è una mancanza accettabile.

KLUIVERT: 7.5 Corre più veloce di tutti, a volte anche del suo pensiero. Nel primo tempo Peluso non lo vede mai e l’olandese fa quello che vuole sulla fascia destra. Rimane freddissimo davanti a Consigli segnando il 4-0. Unica nota negativa la scelta sbagliata in avvio di ripresa quando serve Dzeko invece di Mkhitaryan.

DZEKO: 7.5 Segna al volo su cross di Kolarov, dà il là alla rete di Mkhitaryan e sfiora la doppietta di testa. Non deve neanche abbassarsi a creare gioco perché la squadra costruisce a meraviglia. È una certezza.

ZANIOLO (Dal 72′): 6.5 Il grande escluso di Fonseca entra bene in campo, dimostrando di essere pronto per la partita di Europa League di giovedì.

SPINAZZOLA (Dal 73′): S.V. Bene l’esordio in maglia giallorossa.

PASTORE (Dal 84′): S.V. Sbaglia un’occasione clamorosa dimostrando mancanza di cattiveria.

ALL. FONSECA: 7.5 Non sbaglia una scelta. Sceglie Kluivert dall’inizio e l’olandese fa una grande prestazione. Stessa cosa per Veretout, all’esordio in maglia giallorossa. Imbriglia il Sassuolo di De Zerbi, preparando una partita praticamente perfetta.

Luca Fantoni

Mercato Roma. Gli agenti di Berardi incontrano Monchi a Trigoria. Nel meeting è stato ribadito il forte interesse di mister Di Francesco

Luca Fantoni – E’ Domenico Berardi il nome caldo nelle ultime ore del calciomercato romanista. Nella mattinata di oggi è andato in scena un incontro esplorativo tra Monchi e l’agente del calciatore, Simone Seghedoni, accompagnato da Giuseppe Galli, un suo collaboratore. I due, arrivati a Trigoria intorno alle 12.30, hanno lasciato il centro sportivo della Roma alle 14. L’attaccante del Sassuoloè il primo nome sulla lista di Eusebio Di Francesco.

Luca Fantoni

EUROPA LEAGUE Crollo dell’Inter a Praga. Vincono in scioltezza Roma e Fiorentina. Sassuolo stop a Genk

La miglior cura dopo la sconfitta è la vittoria. E la miglior medicina in questo caso, sono ancora i piedi di Totti: 3 assist deliziosi e giocate geniali valgono il 4-0 sull’Astra Giurgiu in Europa League firmato dai gol di Strootman, Fazio e Salah, più l’autorete di Fabricio. A 40 anni appena compiuti e festeggiati in grande stile, novanta minuti in campo e una serata da protagonista per il capitano della Roma, cui è mancato solo il gol. Certo l’Astra Giurgiu, ilLeicester di Romania, è un avversario davvero modesto in questo momento.

Non è stata una bella serata per il Sassuolo che incassa tre gol dal Genk nella gara di Europa League. Eusebio Di Francesco, ha dovuto fare i conti anche con le tante assenze, ma guarda avanti con positività: “Devo dire che peccato eravamo anche in partita, la squadra stava anche giocando – dice a Sky Sport – abbiamo ricercato quella che è la nostra idea. Loro sono stati più bravi nell’attaccare la porta, però spesso anche noi abbiamo avuto il pallino del gioco e non siamo stati magari brillanti nell’andare a chiudere tante trame di gioco ed essere un po’ più qualitativi negli ultimi venti metri, quello che loro invece sono stati. E’ normale poi che quando prendi due gol nei primi 25′ rischi di più, ho messo anche un’attaccante in più. Peccato perchè dal mio punto di vista c’era un rigore netto per noi, perchè il fallo su Pellegrini se c’era, visto che lo ha dato, era nettamente dentro l’area. Poi magari sarebbe stata un’altra partita andando sul 2-1 al 50′. Ero convinto che gli avremmo potuto creare tante difficoltà sapendo di rischiare qualcosa in contropiede, come poi è stato. Per noi era una partita importante, peccato”.

Incubo Europa per l’Inter. Dopo quella con i modesti israeliani dell’Hapoel Beer Sheva è arrivata anche la seconda figuraccia in casa dello Sparta Praga: avversario di livello superiore ai primi per carità, capace di eliminare la Lazio agli ottavi nella scorsa stagione, ma comunque alla portata dei nerazzurri. Che invece escono con una sconfitta per 3-1 che fa male, e compromette già il cammino in Europa League. L‘Inter è ultima in classifica a zero punti dopo due sconfitte consecutive, quattro se si considerano anche quelle con il Wolfsburg della scorsa stagione. Non succedeva dalla Coppa delle Fiere del ’60-61. Clamorosa la trasformazione in Europa della squadra, rispetto ai progressi mostrati in campionato. Le italiane, sbagliando, hanno spesso snobbato l’Europa League e la prova di questa sera dell’Inter ne è l’ennesima dimostrazione. Palacio, a 34 anni, si è giocato male la chance per dimostrare di poter essere ancora utile alla squadra, nonostante il gol realizzato subito dopo l’ingresso di Icardi.

La Fiorentina è uno spettacolo: segna cinque gol alQarabag (5-1), diverte il pubblico del Franchi e si porta al primo posto del Gruppo J di Europa League, insieme con il Paok. I viola partono male, poi approfittano dell’espulsione di Yanuszada alla mezz’ora e chiudono la sfida prima del riposo: Babacar ne fa due e Kalinic finalizza un’azione splendida, tutta di prima. Nella ripresa, sorride finalmente anche Zarate, tornato in campo dopo i gravi problemi che hanno colpito la sua famiglia: segna con un gran destro dalla distanza e su punizione.

EUROPA LEAGUE Il programma delle italiane: Roma e Fiorentina in casa contro Astra e Qarabag. Trasferte per Inter e Sassuolo

Oggi si torna in campo per disputare la seconda giornata dei gironi di Europa League. Apriranno il turno Inter e Fiorentina. I nerazzurri, dopo la sconfitta contro il Beer Sheva saranno impegnati a Praga contro lo Sparta. Contemporaneamente la Fiorentina se la vedrà contro il Qarabag ad Ağdam. Dalle 21:05 la Roma ospiterà i romeni dell’Astra Giurgiu all’Olimpico mentre il Sassuono sarà protagonista a Genk. Ecco il programma completo:

Le partite in programma:
17:00 FC Astana-Young Boys
17:00 Gabala-Mainz
19:00 Ajax-St. Liege
19:00 Celta Vigo-Panathinaikos
19:00 Fiorentina-Qarabag
19:00 Gent-Konyaspor
19:00 H. Beer Sheva-Southampton
19:00 Krasnodar-Nizza
19:00 Liberec-PAOK
19:00 Schalke-Salzburg
19:00 Shakhtar-Braga
19:00 Sparta Praga-Inter
19:00 Steaua Bucarest-Villarreal
19:00 Zurigo-Osmanlispor
21:05 Ath. Bilbao-Rapid Vienna
21:05 Austria Vienna-Plzen
21:05 Dundalk-M. Tel Aviv
21:05 Fenerbahce-Feyenoord
21:05 Genk-Sassuolo
21:05 Manchester Utd-Zorya
21:05 Olympiakos-APOEL
21:05 Roma-Astra
21:05 St. Etienne-Anderlecht
21:05 Zenit Petersburg-Alkmaar