Nainggolan contro Monchi: “Via per colpa sua”. Ma è stata l’unica buona mossa del D.S.

(Keivan Karimi) – Domani c’è il derby Milan-Inter, il centrocampista nerazzurro Radja Nainggolan è in forte dubbio e probabilmente partirà al massimo dalla panchina. Ma lo stesso ex romanista è tornato a parlare del suo addio alla squadra giallorossa, forzato e quasi obbligato, dando ogni colpa al direttore sportivo Monchi che avrebbe deciso quasi autonomamente di mandarlo a giocare altrove.

“Se fossi rimasto a Roma sarebbe scoppiata una guerra mondiale ogni giorno – ha ammesso Nainggolan al portale belga Hln.be – Sono andato via per Monchi, con il quale ho avuto uno screzio e non si è comportato in modo professionale nei miei confronti. Se mi avesse detto che voleva cedermi in faccia lo avrei accettato senza problemi, invece ha mandato degli intermediari a trattarmi in Turchia a mia insaputa, quindi ho capito che Roma non era più il mio posto”.

Altra carne al fuoco per l’ormai ex DS romanista, ormai pronto a tornare a Siviglia. Ma in realtà la cessione di Nainggolan all’Inter in cambio di 24 milioni più i cartellini del disordinato Santon e della stella nascente Zaniolo è forse l’unica vera operazione riuscita a Monchi nella sua esperienza romanista. Quattro sessioni di mercato scellerate, negative, senza guizzi salvabili al 100%, ma la scelta di rinunciare all’indisciplinato e ormai stanco Nainggolan è stata decisamente azzeccata. Non a caso il belga all’Inter è una sorta di fantasma che ogni tanto fa parlare di sé più fuori che dentro al campo, mentre Zaniolo nella Roma di oggi è già un titolare e con una valutazione già vicina ai 50 milioni di euro. Ogni altra parola per ora è superflua.

Inter, Nainggolan: “Roma? Non è finita per colpa mia. La Juve mi ha cercato per cinque anni di fila”

Gianluca Notari – Un addio, quello di Radja Nainggolan alla Roma, che a distanza di mesi fa ancora male ai tifosi giallorossi. Il Ninja era entrato nel cuore di tutti loro, visto come un idolo al pari di icone come Dzeko, De Rossi e Strootman, anche lui ceduto la scorsa estate. A pochi giorni dal suo primo derby di Milano, che affronterà vestendo la maglia della sua nuova squadra, l’Inter, il belga ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport.

Tanti i temi trattati, partendo proprio dalla stracittadina: “Vivo l’avvicinamento con serenità, questo è un mio pregio. Riesco a preparare le partite allo stesso modo. Certo, sono curioso di giocare il mio primo derby di Milano, partite come queste mi piacciono“. Tante le differenze con la Capitale, anche se un derby è sempre un derby: “A Milano è tutto più tranquillo, a Roma i compagni mi caricavano di continuo e se perdevamo i tifosi ce lo ricordavano per mesi. Ora Spalletti mi ripete di continuo che le due gare con il Milan valgono un campionato a parte. Allo stadio il boato sarà impressionante, sono sicuro“.
D’obbligo il passaggio sull’addio alla Roma: “Non è finita per colpa mia, almeno non del tutto. Certi comportamenti mi hanno deluso, non li posso accettare come uomo. Io ho sbagliato, di sicuro, come quel video di Capodanno. Loro però hanno fatto tutto di nascosto invece di dirmi le cose in faccia da uomini veri. La Roma voleva vendermi per fare cassa, lo sono venuto a sapere dopo che avevano già trovato l’accordo con dei club stranieri che non avrei mai accettato. Mi sono sentito un giocatore non importante. Ecco perché quando mi ha chiamato Spalletti non ci ho pensato un attimo. Differenze? L’Inter ha alle spalle una società molto preparata e presente. Steven Zhang è sempre a Milano, a Roma Pallotta veniva una volta all’anno. Credo che una persona dovrebbe seguire la sua azienda. A Roma poi ogni anno cambiavao 3-4 giocatori importanti, se Pallotta fosse presente potrebbe spiegare lui in prima persona il motivo“.

Al netto delle differenze tra Roma e Inter, però, qualcosa in comune c’è. Il nemico, ad esempio: la Juventus: La Juve vince da 7 anni, sono forti. Il campionato però è lungo, ci sono stati pochi scontri diretti. Dovremo essere bravi a sbagliare il meno possibile. La pressione dev’essere su di loro, devono sapere che siamo pronti ad approfittare dei loro passi falsi. Perché mi stanno antipatici? Ne ho subite tante, a un certo punto non ce la fai più. Loro comunque mi hanno cercato per cinque anni di fila, io ho sempre detto di no. Forse per questo ce l’hanno con me“.
Infine, un ricordo delle notti passate a Trigoria insieme a Luciano Spalletti, oggi insieme a lui all’Inter: “Un giorno mi prese da parte, mi disse che voleva proteggermi e che per 4-5 giorni avrei dormito con lui nel centro sportivo. Io accetto, arrivo in ritiro e lo trovo lì con grande piacere. Pur di stare con me aveva rinunciato al suo tempo libero. So di avere aspetti negativi nel mio carattere, faccio ragionamenti particolari dovuti al mio passato. Ma mi piace vivere sempre al massimo“.

Gianluca Notari

Nainggolan, l’ultimo saluto alla Roma: “Mi mancherete” (VIDEO)

(Keivan Karimi) Radja Nainggolan è passato oggi da Trigoria per salutare gli ultimi amici. Il belga, venduto all’Inter per 38 milioni complessivi, è ancora legatissimo alla Roma ed ai compagni delle recenti avventure. E’ spuntato un video pubblicato dallo stesso Nainggolan negli spogliatoi del ‘Fulvio Bernardini’ in compagnia di staff sanitario e massaggiatori, oltre che dell’amico Daniele De Rossi, in cui il centrocampista ha salutato tutti: “Ragazzi è stato un piacere, mi mancherete tutti e vi voglio bene”. Mancherà a tutti il caro Ninja.

Mercato Roma. Il Guangzhou acquista Gudelj, addio all’idea Nainggolan

Luca Fantoni – Oltre alle possibili cessioni di Dzeko ed Emerson Palmieri, a tenere banco in questa sessione di calciomercato è stato il possibile trasferimento di Radja Nainggolan in Cina. Dopo la smentita del General manager del Beijing però, arriva anche un’altra indicazione della permanenza del belga nella capitale. Il Guangzhou Evergrande, la seconda squadra interessata al Ninja, ha acquistato il centrocampista Nemanja Gudelj dal Tianjin Teda. Questo arrivo completa la casella degli stranieri disponibili per la registrazione. La squadra cinese ha già infatti in rosa i due brasiliani Alan, Ricardo Goulart e il sud coreano Kim Gwong che occupa il posto riservato ai giocatori asiatici (regola valida ormai solo per la Champions Leagueasiatica). C’era infatti la possibilità che Nainggolan fosse tesserato in quanto tale per le sue origini indonesiane. Il Guangzhou rispetta così le gentili “indicazioni” del governo cinese, non spende cifre spropositate per un giocatore dall’estero, e fa felici i tifosi della Roma che si potranno godere il centrocampista belga per un altro po’ di tempo.

Luca Fantoni

Nainggolan-Cina, la Luxury-Tax blocca tutto. A gennaio Radja non si muove

Simone Burioni – Cinquanta milioni di euro. È questa la cifra che il Guangzhou Evergrande, club cinese, sarebbe pronto a versare nelle casse della Roma per Radja Nainggolan. Il centrocampista ha attirato su di sé anche l’interesse di società extraeuropee e l’ingaggio che il club di Liu Jong Zhuo potrebbe offrirgli si aggirerebbe intorno ai 12 milioni di euro.

IPOTESI GIUGNO – Il Ninja potrebbe veder apparire l’orizzonte cinese già dalla prossima sessione di mercato. Il belga però difficilmente si sposterà da Trigoria durante l’attuale finestra di calciomercato, ma il pressing del Guangzhou Evergrande potrebbe farsi più insistente con l’avvicinarsi dell’estate. Il giallorosso adesso è concentrato sul campionato, ma non si esclude una sua partenza nella prima parte del mercato estivo.

RADJA TAX – La Roma non chiude alla possibile partenza del belga: “Di fronte ad un’offerta significativa – ammettono da Trigoria ai microfoni dell’Ansa – ogni trattativa può essere aperta”. Il più grande ostacolo tra Nainggolan e la Cina è però rappresentato dalla Luxury-Tax, ovvero una tassa esistente nella Repubblica Popolare Cinese che è volta a tutelare i vivai del Paese e che apporterebbe un costo aggiuntivo di 44 milioni, che andrebbero nelle casse della Federcalcio locale, per un costo complessivo di 94 milioni. I tifosi gridano all’unisono: “Non toccate Radja”. Il club giallorosso fa sapere che “Non è assolutamente detto che nelle prossime sessioni di mercato ci debba necessariamente essere una partenza eccellente”. Il bilancio è in rosso, ma c’è ancora un possibile auto-finanziamento: proseguire il cammino in Champions League.

Simone Burioni

Karsdorp a Villa Stuart per l’operazione al menisco. L’olandese domani uscirà dalla clinica

Simone Burioni – E’ il giorno dell’operazione al menisco per Rick Karsdorp, terzino destro della Roma. L’intervento verrà eseguito dal professor Mariani nella clinica romana di Villa Stuart. E’ previsto uno stop di 2-3 settimane ma il giocatore seguirà la squadra nel ritiro di Pinzolo dove svolgerà la riabilitazione per recuperare il più in fretta possibile. L’olandese, che uscirà domani dalla clinica, è stato accompagnato dal medico sociale della Roma Del Vescovo.

Il terzino sinistro ha postato una sua foto dal lettino di Villa Stuart. Queste le sue parole: “A presto“.

Di seguito il bollettino medico diramato dal sito ufficiale della Roma:

“Nella giornata odierna, Rick Karsdorp è stato sottoposto ad intervento di chirurgia artroscopica che ha messo in evidenza una modesta lesione del corno posteriore del menisco esterno del ginocchio destro. L’intervento chirurgico è tecnicamente riuscito. L’atleta, ufficialmente giallorosso dal 28 giugno, comincerà da subito il percorso riabilitativo stabilito con prognosi stimabile ad oggi in 4 settimane circa”.

Simone Burioni

Visite mediche a Villa Stuart per Gonalons. Ora la firma sul contratto

Simone Burioni – Maxime Gonalons, dopo essere arrivato nella serata di ieri a Roma, svolge le visite mediche di rito presso Villa Stuart. Il centrocampista francese arriva da Lione per 5 milioni euro mentre percepirà oltre 2 milioni di euro dalla società giallorossa.

LIVE

Ore 10.55– Terminate le visite mediche di Gonalons. Prima di andare via si concede qualche foto coi tifosi. Il giocatore ora andrà in albergo e poi si recherà a Trigoria per firmare il contratto che lo legherà alla Roma.

Ore 9.50 – Nel frattempo a Villa Stuart è arrivato anche Ounas che svolgerà le visite mediche per il Napoli.

Ore 8.00 – Gonalons è arrivato alla clinica romana di Villa Stuart per effettuare le visite mediche di rito. Successivamente si recherà a Trigoria.

 Simone Burioni

Sadiq e Nura partiranno per Pinzolo. L’attaccante piace a diverse squadre di Serie A e B

Simone Burioni Il mercato è entrato nel vivo. I giovani in orbita Roma sono diversi e le scelte della società variano in base alle potenzialità ed al rendimento. Umar Sadiq e Abdullahi Nura hanno avuto un percorso differente: il primo, quest’anno in prestito al Bologna, non ha brillato particolarmente (a differenza di quanto si aspettavano a Trigoria) a causa di diversi problemi fisici, mentre il secondo, in pratica, non ha mai visto il rettangolo di gioco per via del gravissimo infortunio al crociato che lo ha obbligato ad un lungo stop rovinandogli la stagione. La Roma crede ancora in loro e non vuole perderne il cartellino: i due partiranno per il ritiro giallorosso a Pinzolo. Le valutazioni su possibili cessioni in prestito verranno valutate in un secondo momento. Sull’attaccante ci sono molte squadre di Serie A e Serie B, mentre per il terzino saranno necessarie ulteriori valutazioni dal punto di vista fisico. La Roma dunque continua a puntare sui giovani e chissà che la prossima possa essere la stagione della svolta per Sadiq che poco più di un anno fa aveva brillato ogni volta che era stato chiamato in causa dai giallorossi.

Simone Burioni